Andrea Vendola » Investire nel mattone: conviene ancora oggi nel 2021?

Investire nel mattone: conviene ancora oggi nel 2021?

investire nel mattone

Sono anni che hai in mente di investire nell’immobiliare, ora hai finalmente qualche risparmio da parte, ma poi arriva il Covid.

Ti assalgono dubbi e ripensamenti e così ti poni la fatidica domanda: “Sarà ancora una buona idea investire nel mattone oggi?”

Scopriamolo insieme!

Conviene investire nel mattone?

La pandemia, così come in tanti altri settori, ha generato grande incertezza anche nel mercato immobiliare. Tutti si saranno chiesti almeno una volta: “Investire nel mattone conviene ancora?”

In primis va detto che comprare casa è un sogno tutto italiano che da sempre non conosce pause e limitazioni. Neppure il Covid-19 è riuscito a spegnere il desiderio più grande di noi italiani.

In secondo luogo, ricordiamoci questa frase: “Quando ci sono momenti di crisi nascono sempre grandi opportunità.”

L’avrai sicuramente sentito in giro e ti posso assicurare che è proprio così. Forse mai come in questo periodo storico abbiamo assistito ad una serie di eventi a favore di chi cerca affari nell’immobiliare e vuole acquistare casa.
Stiamo assistendo a una grande offerta sul mercato nata dalla necessità di liquidità da parte della classe media e dalle difficoltà di gestione degli immobili. Pane per i denti degli investitori.
Le conseguenze? Una vera e propria “svendita” di alcune case di proprietà, anche di pregio, quali ville, castelli, attività commerciali e anche alberghi in tutto il mondo.

investimento nel mattone

Questo non significa che tutto ciò che si trova è l’occasione del secolo. Per investire sul mattone, il potenziale compratore deve armarsi di pazienza e curiosità, selezionando attentamente l’immobile tra centinaia di proposte che offre il mercato odierno.

Finito lo screening, è necessario fare una stima reale dell’immobile per pagarlo al giusto prezzo.
Da un punto di vista finanziario, per capire quindi se conviene ancora investire nel mattone resta sempre fondamentale valutare il probabile ritorno sull’investimento, sia se decidi di comprare l’immobile per rivenderlo, sia se pensi di metterlo a reddito.
Un conto economico ti sarà d’aiuto. Anzi, diciamo che senza si fa poca strada in questo campo.

L’occasione diventa ancora più appetitosa se il compratore ha la capacità di “trattare” la richiesta. In questo contesto spesso l’acquirente è disposto a scendere anche molto rispetto al prezzo richiesto inizialmente: questa attività ti permette di ottenere un incremento esponenziale del ritorno sul tuo investimento.

Da non sottovalutare in acquisto altri elementi a favore, come i tassi dei mutui ai minimi storici e incentivi fiscali con bonus di riqualificazione e il conseguente risparmio energetico.  Se si considera che il patrimonio immobiliare italiano è prevalentemente obsoleto, sicuramente tali benefici invoglieranno anche chi vuole comprare immobili appunto da ristrutturare con le agevolazioni.

Alla luce dei fatti si può quindi affermare senza dubbio che investire nel mattone oggi conviene e che l’immobile resta ancora uno dei migliori investimenti presenti sul mercato!

Dove conviene investire nel mattone?

A questo punto, ti sei convinto che conviene ancora investire nel mattone e torni a pensare al gruzzoletto che hai messo da parte per investire. Bene, ora si passa al dilemma successivo: “Dove investire nel mattone, comincio dal trading o dalla messa a reddito?”

Come forse saprai ci sono svariate tecniche d’investimento che si possono applicare per investire in immobili. Frazionamenti, cambi destinazione d’uso, cessione di preliminare, saldo e stralcio. Ma in prima battuta va scelta la tipologia d’investimento: trading o messa a reddito.

A ventitré anni per il mio primo investimento immobiliare scelsi la messa a reddito.

La scelta nacque dopo aver analizzato una situazione che stavo vivendo sulla mia pelle (o meglio su quella dei miei compagni fuori sede all’università): una crescente domanda di stanze in affitto per studenti fuori sede. Nel mentre iniziai ad approfondire il concetto di rendite passive (quel tipo di entrate che richiedono una partecipazione minima, che non significa non fare proprio nulla, ma far lavorare i soldi al proprio posto).

Così mi gettai a capofitto nella messa a reddito, acquistando un immobile con 2 stanze, cucina e bagno vicino alla mia università, che affittai in poco tempo ai miei coetanei fuori sede, dopo alcuni lavori di ristrutturazione.

Oggi con una consapevolezza del settore totalmente differente, mi sento confidente però nel suggerirti un’altra strada.

conviene investire nel mattone

Diciamo che non esiste un’unica strada. La scelta dev’essere sempre equilibrata partendo dai tuoi obiettivi e dalla tua situazione attuale.

Dalla mia esperienza però, se vuoi sapere dove conviene investire nel mattone, posso suggerirti di partire dal trading immobiliare. Sto parlando di un tipo di investimento one-shot, che ti permette di far lavorare i tuoi soldi in tempi più brevi rispetto a un investimento a reddito, generando capitali dalla rivendita del tuo appartamento. In questo modo, chiuso il tuo investimento (quindi quando avrai venduto il tuo appartamento ristrutturato) potrai reinvestire una parte dei tuoi utili in un investimento a reddito, generando rendite passive.

Investire nel mattone oggi

Come ti dicevo però, non c’è una regola per sapere come investire nel mattone oggi.

Ci vuole sempre strategia e pianificazione, non dev’essere una scelta lasciata al caso!

Il mio suggerimento resta quello di farti indirizzare da un esperto di investimenti immobiliari e di non improvvisare. E quando penserai che il costo di una consulenza o di un corso è troppo elevato, ricordati sempre che tu non stai pagando l’esperto del settore per quell’ora di consulenza che hai acquistato, ma per gli anni di esperienza che ha impiegato per capire come far fruttare al meglio il tuo investimento nel mattone.

Se vuoi diventare un investitore immobiliare

Iscriviti al mio Mastermind “Da Zero a Students’ Home”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *